MARTINI RISPONDE:

+39 0171 389373 +39 0171 1723036 INFO@MARTINICARNI.IT

La Bisalta

Schermata 2014-11-11 alle 16.34.35La Bisalta è una montagna delle Alpi Liguri alta 2.231 mt situata alla convergenza tra le due brevi valli dei torrenti Colla e Josina e la Valle Pesio. Interessa i comuni di Peveragno e Boves, in Provincia di Cuneo.

Il nome deriva dell’apparenza bifida del monte se visto dalla pianura (bis altadue volte alta). Su parecchie carte viene indicata come Besimauda; spesso per Bisalta si intende invece tutto il gruppo montuoso che comprende, oltre che la montagna principale, il Bric Costa Rossa (2.403 m) ed i rilievi della cresta che collega le due montagne.

La parte sommitale della montagna è sdoppiata in due rilievi; quello meridionale è il più alto (2.403 m) ed è sormontato da un’alta croce metallica.

Data la posizione avanzata verso la pianura la Bisalta è una delle montagne più panoramiche del Piemonte: dalla sua cima si può abbracciare un amplissimo tratto dell’arco alpino e, nelle giornate limpide, lo sguardo può arrivare fino al Mar Ligure. Grazie anche alla sua forma caratteristica è facilmente individuabile dalla pianura ed è visibile anche da molto lontano.

DSC06150

Storia e leggende

Secondo una leggenda piuttosto diffusa la cima della montagna dovrebbe la sua conformazione bifida ad un intervento diabolico. La leggenda narra che un abitante della valle di San Giacomo, ubriaco, stava percorrendo la strada che porta a Madonna dei Boschi, dove la Bisalta, ergendosi in tutta la sua altezza, copriva la luna e quindi gli oscurava la strada. L’uomo, imprecando, disse che avrebbe dato l’anima al diavolo per veder sparire la montagna. Improvvisamente apparve un uomo alto, vestito di verde, dal volto bruno e con una barbetta crespa. Era il diavolo, che gli offrì un contratto cartaceo: avrebbe sgomberato la vista della luna entro la mattina seguente in cambio dell’anima, resa dopo sei anni. Ma l’uomo ubriaco non sapeva firmare, così il diavolo gli diede un ago e gli ordinò di fare un segno col suo sangue. Una volta firmato il contratto comparvero tanti diavoli e diavoletti che cominciarono a scavare la montagna dalla cima. Il diavolo temeva di non riuscire a rispettare il patto, poiché il lavoro si presentò più difficoltoso del previsto: poco dopo la mezzanotte avevano solo scalfito parte della cima, dividendola in due. Mentre cercava una scappatoia nel contratto, tutti i diavoli e diavoletti scomparvero. Il contratto era stato firmato con una croce. Da allora la cima della Bisalta fu raddoppiata.

La Bisalta è raggiungibile percorrendo, per tracce di passaggio su pietraia, la Costa della Mula; un itinerario più lungo parte invece da San Giacomo in Val Colla.Una terza via percorre la cresta meridionale e collega la montagna con il Bric Costa Rossa, a sua volta raggiungibile da Limone Piemonte.
La montagna è anche accessibile con le ciaspole o con gli sci da scialpinismo.

Fonte Wikipedia.